Author DGER_Mibac

Immagine di copertina della Guida alle professioni di beni culturali edizione aggiornata

È online la Guida aggiornata alle professioni dei beni culturali

Si pubblica la seconda edizione della Guida alle professioni dei beni culturali individuate dall’art. 9 bis del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.

La guida riguarda soltanto le professioni presenti nel Codice dei beni culturali e del paesaggio all’art.9bis:

  • Antropologo fisico
  • Archeologo
  • Archivista
  • Bibliotecario
  • Demoetnoantropologo
  • Esperto di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali
  • Storico dell’arte
  • Restauratore di beni culturali
  • Tecnico del restauro di beni culturali

La nuova edizione, redatta nel luglio 2021, è aggiornata con alcune novità in particolare relative al portale dedicato Professionisti di beni culturali.

Infatti, nel corso del 2021, il portale è stato aggiornato con l’inserimento dell’elenco ricercabile di restauratori di beni culturali e dei tecnici del restauro e con una nuova sezione dedicata al riconoscimento delle qualifiche estere nell’ambito del restauro.

Si tratta di uno strumento utile sia per chi cerca informazioni sulle professioni dei beni culturali e sugli elenchi nazionali dei professionisti competenti ad eseguire interventi sui beni culturali, sia per gli stessi professionisti che possono trovare informazioni utili, link ad approfondimenti e normativa.

La Guida è realizzata nell’ambito del progetto di miglioramento della qualità dei servizi resi all’utenza 2021 dal Ministero della cultura – Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Servizio I – Ufficio Studi.

Guida alle professioni dei beni culturali individuate dall’art. 9 bis del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, luglio 2021 (PDF)

Foto dell'incontro tra il Direttore generale Mario Turetta e il Ministro coreano in visita all'ICPAL

Il Ministro della Cultura della Repubblica di Corea in visita all’ICPAL

In concomitanza della partecipazione al G20 della Cultura del Ministro della Cultura, Sport e Turismo della Repubblica di Corea Hee Hwang, il 29 luglio 2021 si è svolto presso  l’Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro (ICPAL) l’incontro tra il Ministro Hee Hwan, seguito dall’Ambasciatore di Corea in Italia Hee-seog Kwon, con il Direttore Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali Mario Turetta del Ministero della Cultura, che ricopre anche l’incarico di Direttore dell’ICPAL, insieme al vicedirettore dell’Istituto Eugenio Veca.

Durante l’incontro il Ministro ha visitato il nuovo spazio espositivo dell’ICPAL e il giardino storico della sede di via Milano. Inoltre, durante la visita presso il laboratorio di restauro ha osservato importanti lavori di restauro in corso su alcune opere, tra le quali l’Astrologia di Ottavio Pisani dell’anno 1613 appartenente alla Biblioteca Casanatense.

Nell’ambito della collaborazione pluriennale tra l’ICPAL e la Repubblica di Corea è importante ricordare il ruolo svolto dall’Istituto per la certificazione della carta tradizionale coreana Hanji necessaria per poterla impiegare nel restauro di beni archivistici e librari. A tal riguardo sono stati effettuati approfonditi controlli preliminari dai laboratori scientifici dell’ICPAL sui campioni di carta coreana pervenuti per verificare preventivamente l’idoneità all’impiego nel campo del restauro.

A seguito dell’esito favorevole di tali studi su una parte dei campioni di carte ricevuti, il laboratorio di restauro ha effettuato con successo alcuni restauri, anche su importanti opere fra le quali la Chartula di San Francesco d’Assisi scritta nell’anno 1224, appartenente alla Basilica di San Francesco d’Assisi.

L’incontro è stato anche un’occasione per rafforzare il reciproco impegno a proseguire la collaborazione già avviata.

Galleria di foto

Visita ICPAL Ministro della Cultura della Repubblica di Corea

Visita ICPAL Ministro della Cultura della Repubblica di Corea

Visita ICPAL Ministro della Cultura della Repubblica di Corea

 

 

Conversazioni d'arte - logo

‘Lo bello stilo che m’ha fatto onore’ Contributo all’‘anno di Dante 2021’

Il 29 luglio, dalle 16.00 alle 18.30, su SlashRadio Web va in onda il secondo appuntamento di Imagina. Un patrimonio da leggere e raccontare per il ciclo ‘Conversazioni d’arte’ per conoscere, immaginare e vivere il patrimonio culturale attraverso le parole e gli scritti di autori antichi e moderni.

‘Lo bello stilo che m’ha fatto onore’ [Inf. I, 87] Contributo all’‘anno di Dante 2021’ è il titolo della puntata, incentrata sul Medioevo e dedicata a Dante e ad un possibile, ulteriore percorso di scoperta del suo genio e del suo mondo affettivo e artistico.

L’iniziativa contribuisce all’ anno di Dante, istituito nel 2021, su proposta del Ministero della Cultura, in occasione della ricorrenza dei settecento anni dalla morte, nella convinzione che l’opera del Poeta, oltre a costituire un ineludibile riferimento per la nostra identità culturale e linguistica e a stimolare la creatività contemporanea, continui ad alimentare una sempre attuale serie di riflessioni storico-letterarie, artistiche, scientifiche, giuridiche ed etico-politiche.

Programma

Ad aprire la trasmissione, dopo un breve inquadramento sul significato complessivo della Commedia e sul valore di un viaggio straordinario, come quello intrapreso da Dante verso l’Inferno, il Purgatorio ed il Paradiso per giungere a vedere Dio, sarà un discorso sulle emozioni e sui sentimenti più ‘privati’ della vita  del Poeta, entro i quali rientrano alcune delle figure più rilevanti della sua formazione, da Virgilio a Stazio, a Brunetto Latini, fino poi ad arrivare a Guido Cavalcanti, a Lapo Gianni, a Casella, a Donato Forese, amici della giovinezza, cui egli più volte farà riferimento nella sua opera con toni ora di autentica devozione e affetto, ora di rimpianto o polemica.

A seguire, sarà invece, grazie ad alcuni codici miniati del ‘300 e del ‘400 e con l’aiuto del metodo iconografico e iconologico, la storia della raffigurazione della Commedia stessa a restituirci come il poema venisse percepito dai lettori del tempo e quanto fosse importante la lettura dei commenti, spesso la vera fonte delle immagini anche oltre il testo dantesco, per comprendere il significato di alcune raffigurazioni o il perché di certi loro fraintendimenti.

Ancora, avremo modo di ascoltare quali interventi strategici hanno caratterizzato la programmazione dell’Area Mediazione Culturale e Accessibilità delle Gallerie degli Uffizi di Firenze durante la pandemia, attraverso l’implementazione degli strumenti di fruizione digitale e azioni previste per migliorare ulteriormente l’accessibilità ai contenuti e rafforzare la relazione del museo con i visitatori con disabilità visiva.

A siglare quindi il ‘nostro’ percorso intorno a Dante, sarà un’analisi sul suo rapporto con le arti figurative – non inedito, ma certamente tra i meno noti – cercando di comprendere il contributo offerto alla sua poesia  dalla conoscenza dell’ambiente culturale a lui vicino e dal ruolo giocato da opere e artisti della Firenze del ‘200 nel formarne l‘immaginario’ nonché l’impatto di quest’ultimo sulla sua opera.

La trasmissione è arricchita dalla pillola di SlashArt a cura del Museo Tattile Statale Omero dedicata ad un contributo su Il Minatauro pentito (1969) di Giorgio de Chirico (su base descrittiva dal canto XII dell’Inferno).

Partecipanti

Alla trasmissione, condotta da Luisa Bartolucci dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, prenderanno parte: Edvige Acierno, docente di Letteratura italiana e Latino presso il Liceo Ginnasio Statale ‘Dante Alighieri’ di Roma;  Gianni Pittiglio – Storico dell’arte presso la Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali – MiC; Anna Soffici, Funzionaria Storica dell’Arte, coordinatrice dell’Area Mediazione Culturale e Accessibilità delle Gallerie degli Uffizi; Alessio Monciatti, Professore Ordinario di Storia dell’arte medievale – Università degli Studi del Molise, attualmente comandato presso il Centro Interdisciplinare ‘Beniamino Segre’ dell’Accademia Nazionale dei Lincei; Alessia Varricchio e Annalisa Trasatti del Museo Tattile Statale Omero di Ancona; Elisabetta Borgia della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Servizio I Ufficio Studi – MiC; Marina Di Berardo, del Centro per i servizi educativi, Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Servizio I – Ufficio Studi – MiC.

Come seguire la puntata

Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp (per chi utilizza il Mac, la stringa sarà: http://94.23.67.20:8004/listen.m3u), oppure collegarsi con la pagina Fb di Slashradioweb: https://www.facebook.com/SlashRadioWeb/?fref=ts.

Gli ascoltatori potranno scegliere diverse modalità di intervento e partecipazione: tramite telefono contattando durante la diretta i numeri: 06-92092566, inviando e-mail, anche nei giorni precedenti la trasmissione, all’indirizzo: diretta@uiciechi.it oppure compilando l’apposito modulo di Slashradio.

Il programma radiofonico è curato dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Ufficio Studi – Centro per i servizi educativi (Sed) in collaborazione con Slash Radio Web, la radio ufficiale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS.

Le trasmissioni andate in onda possono essere riascoltate sul sito del Sed www.sed.beniculturali.it, sul sito dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS www.uiciechi.it/ArchivioMultimediale e sulla pagina Facebook di Slash Radio Web.

Comunicato Conversazioni d’arte 29 luglio 2021

Logo recante testo: Biennale #Arteinsieme cultura e culture senza barrire con 12 icone relative a disabilità o diversità culturali

Biennale Arteinsieme 2021 – Cultura e culture senza barriere

Da luglio a dicembre 2021 si terrà la IX edizione della Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere. L’iniziativa promuove, da luglio a dicembre 2021, attività finalizzate a favorire la partecipazione delle persone con disabilità e con esigenze speciali in generale o provenienti da culture altre.

Scopri i Musei e i luoghi della cultura aderenti (le iniziative sono in continuo aggiornamento) al seguente link:

https://www.museoomero.it/educazione/arteinsieme/arteinsieme-2021-cultura-e-culture-senza-barriere/musei-e-luoghi-della-cultura-aderenti/

Segui anche la pagina della Biennale su Facebook.

Promotori

la IX edizione della Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere. è promossa dal Museo Tattile Statale Omero – TACTUS Centro per le Arti Contemporanee, la Multisensorialità e l’Intercultura, in collaborazione con la Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali – Servizio I – Centro per i Servizi Educativi (Sed), e con Direzione Generale Creatività Contemporanea e la Direzione Generale Musei  – Servizio II – Sistema Museale Nazionale del Ministero della Cultura.

Contatti

email arteinsieme@museoomero.it
Segreteria Museo Tattile Statale Omero tel. 071.2811935

Donna al pc che scrive

PAF: Piano attuativo della formazione 2021 – primo quadrimestre 2022

La Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali pubblica il Piano attuativo della formazione 2021 – I quadrimestre 2022 per il personale del Ministero della cultura. Il piano è pubblicato dopo aver acquisito il parere della Direzione Generale Organizzazione e del Comitato Unico di Garanzia ed informate le Organizzazioni Sindacali.

Considerato il ruolo strategico della formazione, sia nella fase emergenziale in atto sia in una prospettiva di ripresa e ripartenza culturale, economica e sociale del Paese, la Direzione generale ha posto in essere azioni sinergiche, oltre che con la Scuola Nazionale dell’Amministrazione, con le altre Direzioni generali, gli Istituti centrali e con la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali.

L’obiettivo del piano è incrementare in ampiezza e varietà l’offerta formativa, declinandola sia su tematiche di interesse trasversale per tutti i profili ed i livelli professionali, sia su articolazioni per l’acquisizione e all’aggiornamento di competenze specifiche del personale.

I corsi programmati dalla Direzione generale, integrati dall’eventuale proposta formativa della SNA, sono organizzati in tre aree: 

  • TECNICO-SCIENTIFICA
  • TRASVERSALE
  • GIURIDICA E AMMINISTRATIVO-CONTABILE

La programmazione delle iniziative nelle tre aree, per un totale di 40 corsi e oltre 200 ore di lezione (escluse le iniziative SNA), potrà anche subire variazioni per l’emergere di specifiche esigenze formative.

Documenti utili

Tutte le informazioni sul piano e sui corsi sono contenute nella circolare DG-ERIC n.21-2021 e nel catalogo corsi allegato:

Circolare DG-ERIC n.21-2021 PAF 2021-I quadr. 2022

PAF catalogo corsi 2021 – I quadrimestre 2022

restauro

Restauratori di beni culturali: online i bandi di ammissione alle Scuole del MiC

IT/EN

Sono stati pubblicati i bandi di ammissione alle Scuole di Alta Formazione e studio del Ministero della cultura per Restauratori di beni culturali presso: Istituto centrale per il restauro, con sedi a Roma e a Matera, Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro di Roma e Opificio delle pietre dure di Firenze.

Sono tre i concorsi pubblici per l’ammissione per l’anno accademico 2021-2022 complessivamente di trenta allievi ai corsi di diploma di durata quinquennale, equiparati alla laurea magistrale a ciclo unico in conservazione e restauro dei beni culturali (LMR/02), abilitante alla professione di Restauratore di beni culturali. Ai sensi della normativa vigente, infatti, il conseguimento del titolo di studio e della relativa abilitazione professionale sono necessari per operare qualsiasi intervento di restauro sul patrimonio culturale italiano.

I posti messi a concorso sono così suddivisi per Istituti e percorsi formativi professionalizzanti (PFP):

  • 20 per l’Istituto centrale per il restauro di cui 5 presso la sede di Roma nel PFP 1: “Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell’architettura”,
    10 presso la sede di Matera nel PFP 2: “Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile; manufatti scolpiti in legno; arredi e strutture lignee; manufatti e materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti”, 5 presso la sede di Roma nel PFP 4: “Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe”. Scadenza domande: 4 agosto 2021.
  • 5 per l’Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro nel PFP 5: “Materiale librario e archivistico. Manufatti cartacei e pergamenacei. Materiale fotografico, cinematografico e digitale”. Scadenza domande: 25 luglio 2021.
  • 5 per l’Opificio delle Pietre dure nel PFP 3: “Materiali e manufatti tessili e in pelle”. Scadenza domande: 18 luglio 2021.

Requisiti e modello formativo

Requisiti per l’ammissione: diploma di istruzione secondaria superiore quinquennale o quadriennale più anno integrativo o titolo equipollente se conseguito all’estero, posseduto prima dell’inizio dei corsi; idoneità fisica alle attività che il percorso formativo professionalizzante comporta; godimento dei diritti civili e politici; per i cittadini stranieri, conoscenza della lingua italiana.

Le Scuole di Alta Formazione e Studio del Ministero sono impostate su un modello estremamente efficace, riconosciuto sia in Italia sia all’estero, che coniuga la formazione, la ricerca e la pratica della professione all’interno dei vari laboratori e di importanti cantieri di restauro.

Il numero limitato di allievi ammessi ai corsi garantisce un’attenzione personalizzata da parte dei docenti e la possibilità di operare su beni culturali, integrando la parte metodologica applicativa con stage e seminari specialistici.

Al termine del percorso formativo, i diplomati saranno in possesso di conoscenza scientifica dei materiali e delle diverse problematiche conservative per lo specifico ambito scelto, sapranno operare in tutte le fasi del restauro e della conservazione dei beni culturali. Inoltre, essendo il corso abilitante alla professione, saranno inseriti nell’elenco dei Restauratori di beni culturali del Ministero della cultura (https://professionisti.beniculturali.it/restauratori).

Mercoledì 14 luglio alle ore 11.00 si terrà la presentazione dei corsi in diretta sulla pagina Facebook della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali: https://www.facebook.com/dger.web/

Link ai bandi di concorso

ICR bando

ICPAL bando

OPD bando

Contatti e riferimenti utili

Ministero della cultura
Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali
via Milano, 76 – 00184 Roma
Tel. (+39) 06.48291203
E-mail: dg-eric@beniculturali.it
Facebook: @dger.web
www.dger.beniculturali.it

Istituto centrale per il restauro
via di San Michele, 23 – 00153 Roma
Tel. (+39) 06.67236300
E-mail: icr@beniculturali.it
Facebook: @safsICR
www.icr.beniculturali.it

Istituto centrale per il restauro
via Luigi La Vista, 5 – 75100 Matera
Tel. (+39) 0835.256626 – 0835.334461
E-mail: icr.saf-matera@beniculturali.it
Facebook: @SAFMATERA
www.safmatera.iscr.beniculturali.it

Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro
Via Milano, 76 – 00184 Roma
Tel. (+39) 06.482911
E-mail: ic-pal@beniculturali.it; ic-pal.scuola@beniculturali.it
Facebook: @icpal.mic
www.saf-icpal.beniculturali.it/

Opificio delle pietre dure
Via degli Alfani, 78 – 50121 Firenze
Tel: (+39) 055.26511
Viale F. Strozzi, 1 (Fortezza da Basso) – 50129 – Firenze
Tel: (+39) 055.46254
E-mail: opd@beniculturali.it
Facebook: @OpificioPietreDure
www.opificiodellepietredure.it/

 

Comunicato bandi di ammissione SAF 8 luglio 2021

Icona Mail

Bando ICR per l’ammissione di 20 allievi al 72° corso a.a. 2021-2022

È pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 50 del 25-6-2021 il bando di concorso pubblico, per esami, per l’anno accademico 2021-2022 per l’ammissione di 20 allievi al 72° corso quinquennale della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’Istituto centrale del restauro (ICR) di Roma e Matera abilitante alla professione di Restauratore di beni culturali.
I posti sono suddivisi nei seguenti Percorsi Formativi Professionalizzanti (PFP):
PFP 1 – Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell’architettura: 5 posti presso la sede di Roma.

PFP 2 – Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile; manufatti scolpiti in legno; arredi e strutture lignee; manufatti e materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti: 10 posti presso la sede di Matera.

PFP 4 – Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe: 5 posti presso la sede di Roma.

La scadenza per la presentazione della domanda è prevista per il 4 agosto 2021.

Per ulteriori informazioni consultare il sito web dell’Istituto centrale del restauro.

Icona Mail

Bando ICPAL per l’ammissione di 5 allievi al XII corso a.a. 2021-2022

Per l’anno accademico 2021-2022 è stato pubblicato il bando di concorso pubblico per l’ammissione di 5 allievi al dodicesimo ciclo del corso quinquennale della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’ ICPALIstituto centrale per la patologia degli archivi e del libro.

Il corso è equiparato alla Laurea magistrale in Conservazione e restauro dei beni culturali (LMR/02) e abilita alla professione di Restauratore dei beni culturali in riferimento al Percorso formativo professionalizzante 5: Materiale librario e archivistico. Manufatti cartacei e pergamenacei. Materiale fotografico, cinematografico e digitale.

Scadenza di presentazione delle domande: 25 luglio 2021.

Link al testo della Gazzetta Ufficiale

Contatti: Segreteria didattica SAF.

Icona Mail

Bando OPD per l’ammissione di 5 allievi al 33° corso a.a.2021-2022

È pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 48 del 18-6-2021 il bando di concorso pubblico, per esami, per l’anno accademico 2021-2022 per l’ammissione di 5 allievi al 33° corso quinquennale per Restauratore di beni culturali della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’Opificio delle pietre dure di Firenze (OPD) nel Percorso Formativo Professionalizzante PFP 3– Materiali e manufatti tessili e in pelle.
La presentazione della domanda di partecipazione dovrà avvenire entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
Per ulteriori informazioni su date, sedi e esiti delle prove consultare esclusivamente gli avvisi pubblicati sul sito web dell’Opificio delle Pietre Dure: http://www.opificiodellepietredure.it/.

Conversazioni d'arte - logo

Conversazioni d’arte: Imagina. Un patrimonio da leggere e raccontare

Il 24 giugno, dalle 16.00 alle 18.30, su SlashRadio Web riprendono gli appuntamenti del programma ‘Conversazioni d’arte’. Un nuovo ciclo, dal titolo Imagina. Un patrimonio da leggere e raccontare, per conoscere, immaginare e vivere il patrimonio culturale attraverso le narrazioni contenute negli scritti di autori antichi e moderni, capaci di restituire storie e ricomporre suggestioni attraverso la capacità immaginifica della parola e del racconto.

Prima puntata: “Dare forma alle parole: storie e meraviglie dal mondo antico”

La prima puntata è dedicata al mondo antico, descritto da viaggiatori come Erodoto, Pausania, Strabone, che hanno percorso in lungo e largo le terre conosciute lasciandoci descrizioni accurate e dettagliate del patrimonio artistico e dei monumenti visitati. Nel mondo antico nasce anche il concetto di ‘meraviglia’, tanto da spingere gli eruditi alessandrini a creare una vera e propria classifica con i sette capolavori dell’antichità, da collocare tra la Grecia e la Ionia, la Mesopotamia e l’Egitto.
Roma, oltre alle fonti scritte, ci lascerà una ricchissima eredità di ‘immagini’ del suo patrimonio, preziosa risorsa documentale allora come oggi per la sua stessa comprensione.

Prima di immergerci nelle narrazioni degli autori classici, saranno i testi di antiche epigrafi conservate nella sede delle Terme di Diocleziano del Museo Nazionale Romano.

Saremo così guidati all’ascolto della ricostruzione sonora di alcuni versi del carme rituale degli arvali, una delle più antiche testimonianze in lingua latina e del carmen saeculare, composto dal poeta Orazio in onore delle cerimonie dei Ludi Saeculares del 17 a.C. Ancora scopriremo come poche parole scelte per ricordare una persona cara, unite a fantasia e solide conoscenze archeologiche, possano dare lo spunto per uno storytelling capace di avvicinare ogni pubblico ad un settore fino a poco tempo fa per soli specialisti.

L’edizione verrà arricchita dalle ‘pillole di SlashArt’ a cura del Museo Tattile Statale Omero dedicate a opere della collezione museale selezionate dalle schede presenti sul sito del Museo recentemente rinnovato secondo i criteri di massima accessibilità.

Inoltre, andrà in onda il contributo realizzato da studentesse e studenti del Liceo classico ‘Giulio Cesare’ di Roma al termine del percorso ‘Conversando s’impara’. Un racconto multimediale in cui a parlare di sé e della sua storia millenaria è uno dei più importanti monumenti di Roma, la Colonna Traiana.

Partecipanti

Alla prima puntata, condotta da Luisa Bartolucci dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, prenderanno parte:

Francesca Licordari, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e la provincia di Rieti – MiC
Sara Colantonio e Carlotta Caruso del Museo Nazionale Romano – MiC
Alessia Varricchio e Annalisa Trasatti del Museo Tattile Statale Omero di Ancona
studentesse e studenti del Liceo classico ‘Giulio Cesare’ di Roma
Elisabetta Borgia della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Servizio I Ufficio Studi – MiC.

Come seguire le puntate

Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp (per chi utilizza il Mac, la stringa sarà: http://94.23.67.20:8004/listen.m3u), oppure collegarsi con la pagina Fb di Slashradioweb (https://www.facebook.com/SlashRadioWeb/?fref=ts).

Gli ascoltatori potranno scegliere diverse modalità di intervento e partecipazione: tramite telefono contattando durante la diretta i numeri: 06-92092566, inviando e-mail, anche nei giorni precedenti la trasmissione, all’indirizzo: diretta@uiciechi.it oppure compilando l’apposito modulo di Slashradio.

Le trasmissioni andate in onda possono essere riascoltate:

Il programma è curato dalla DG Educazione, ricerca e istituti culturali, Ufficio Studi – Centro per i servizi educativi (Sed) in collaborazione con Slash Radio Web, la radio ufficiale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS.

Conversazioni d’arte Comunicato 24 giugno 2021