Author DGER_Mibac

immagine di copertina della guida alle professioni di beni culturali reffigurante un gruppo di persone di spalle con le mai alzate che guardano verso il tramonto

Guida alle professioni dei beni culturali individuate dal Codice (art. 9bis)

La Guida alle professioni dei beni culturali individuate dall’art. 9 bis del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio è uno strumento utile per chi vuole avere informazioni sulle professioni dei beni culturali, per chi cerca un professionista che possa intervenire sui beni culturali e per gli stessi professionisti.

La guida riguarda esclusivamente le professioni inserite nel Codice dei beni e delle attività culturali e del paesaggio (art.9bis):

  • Antropologo fisico
  • Archeologo
  • Archivista
  • Bibliotecario
  • Demoetnoantropologo
  • Esperto di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali
  • Storico dell’arte
  • Restauratore di beni culturali
  • Tecnico del restauro di beni culturali

Tra gli argomenti trattati: la differenza tra professione regolamentata e non, gli elenchi nazionali dei professionisti competenti ad eseguire interventi sui beni culturali e la piattaforma digitale dedicata, il ruolo delle associazioni di categoria, il riconoscimento delle qualifiche estere nel settore del restauro.

La Guida è stata realizzata nell’ambito del progetto di miglioramento della qualità dei servizi resi all’utenza 2020 dal MiBACT-Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, Servizio I- Ufficio Studi.

Guida alle professioni dei beni culturali individuate dall’art. 9 bis del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (PDF)

Immagine con la scritta: Fondo per il 150° anniversario di Roma Capitale

150°anniversario di Roma Capitale: nominata la commissione

Si pubblica il decreto di nomina della commissione giudicatrice per valutare i progetti per la celebrazione del 150° anniversario di Roma Capitale.

La Commissione valuta i progetti, in base ai criteri di conformità alle finalità della celebrazione, originalità e congruenza fra costi e iniziative, e  propone l’erogazione dei contributi.

il Direttore generale Educazione, ricerca e istituti culturali, tenendo conto delle proposte della Commissione, dispone successivamente con decreto l’erogazione dei contributi alle associazioni.

Decreto di nomina commissione giudicatrice, n.11 del 26.01.2021

immagine generica di libri

FAQ aggiornate relative ai contributi per convegni e pubblicazioni

A seguito delle richieste pervenute, si pubblicano le risposte alle domande frequenti (FAQ) aggiornate al 28 gennaio relative alla circolare DG-ERIC n. 16-2020.

La circolare è relativa alle modalità di presentazione e di valutazione delle domande di concessione dei contributi per convegni e pubblicazioni erogati dal MiBACT – Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali.

I contributi sono finalizzati all’organizzazione di convegni e alla pubblicazione di volumi di rilevante interesse culturale promossi o organizzati entro l’anno da associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro.

Si ricorda che le domanda possono essere presentate entro il 31 gennaio 2021 al seguente link: www.istitutidgeric.beniculturali.it

Documenti utili

FAQ circolare 16-2021  (aggiornate 28 gennaio 2021)

Circolare DG-ERIC n.16/2020 (convegni e pubblicazioni)

 

 

Fotografia dell'opera Memoriale Italiano di Auschwitz

Per non dimenticare. Il restauro del Memoriale italiano di Auschwitz

Il Memoriale italiano di Auschwitz è un’opera immersiva frutto del lavoro di intellettuali e artisti del Novecento. Tra questi Lodovico Belgiojoso, Nelo Risi, il pittore Mario “Pupino” Samonà, Primo Levi. Voluta dall’Associazione Nazionale Ex-Deportati nei campi nazisti (ANED). L’opera fu inaugurata nel 1980 presso il Blocco 21 di Auschwitz in onore dei caduti nei campi di sterminio.

“L’idea progettuale è stata una spirale in tela, tesa su struttura in ferro, costretta nelle pareti dell’edificio, all’interno della quale il visitatore cammina come in un tunnel. La tela dipinta ricorda […] la storia della Resistenza e della Deportazione italiana ad opera di Samonà su indicazioni di Primo Levi. Dalla passerella lignea che conduce il visitatore nel tunnel sale la musica di Luigi Nono, Ricorda cosa ti hanno fatto in Auschwitz del 1966. Nelo Risi ha diretto la ideazione e realizzazione con la sua competenza di regista.” (R.Pintus)

Il restauro 

Il Memoriale, dopo un complesso intervento di smontaggio, restauro e ricontestualizzazione, curati rispettivamente da Istituto centrale per il restauro e Opificio delle pietre dure, è ora riallestito nello spazio Ex3 nel quartiere di Gavinana a Firenze.

“uno dei più grandi e complessi interventi di conservazione e restauro su opere d’arte contemporanee che sia mai stato compiuto e […] uno dei maggiori successi dell’Istituto” secondo Marco Ciatti, direttore OPD.

Il volume Per non dimenticare. Il Memoriale italiano di Auschwitz Conservazione, restauro e riallestimento, della Collana Problemi di Conservazione e Restauro dell’Opificio delle Pietre Dure (edito da Edifir) ne racconta la storia, il restauro e il suo riallestimento. A cura di Marco Ciatti, Gisella Capponi, Renata Pintus e Oriana Sartiani, con introduzione delle autorità coinvolte e anche del Direttore generale dott. Mario Turetta.

Appuntamenti

In occasione del Giorno della Memoria, il 27 gennaio alle ore 17 è organizzato un evento online dedicato al Memoriale, gratuito e su prenotazione. Inoltre, venerdì 29 gennaio Mu.se organizza visite gratuite per piccoli gruppi.

Info: http://musefirenze.it/memoriale-italiano-di-auschwitz-due-giorni-di-visite-guidate-dal-vivo-e-un-viaggio-virtuale-nella-settimana-della-memoria/

Fotografia dell'opera Memoriale Italiano di Auschwitz

Memoriale italiano di Auschwitz (foto di Pino Zicarelli, OPD)

 

Immagine del Fondo Lanciani raffigurante una stampa il Teatro Marcello a Roma

139 manoscritti del Fondo Lanciani digitalizzati e disponibili online

È on line il Fondo di manoscritti appartenuto a Rodolfo Lanciani, disponibile per studiosi, studenti e per tutti gli interessati.

Il materiale rappresenta una fonte di primaria importanza per la topografia della città di Roma e delle zone circostanti, dal Rinascimento in poi.

La digitalizzazione del Fondo è l’esito di un importante progetto della Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte (INASA) e la Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte di Roma, finalizzato alla fruizione e all’accessibilità allo studio e alla consultazione di fondi archivistici in modalità digitale.

I 139 manoscritti contenenti corrispondenza, appunti bibliografici, archivistici, bozze per pubblicazioni, disegni, incisioni e fotografie raccolti dal celebre archeologo romano, si aggiungono alle sezioni conservate nella Biblioteca Apostolica Vaticana (Vat. Lat. 13045-13047) e presso l’INASA, già digitalizzate grazie ad un accordo con le università di Stanford e dell’Oregon, il Dartmouth College e la BiASA (https://exhibits.stanford.edu/lanciani).

Rodolfo Lanciani (Montecelio 1845 – Roma 1929) frequentò le scuole presso il Collegio Romano e poi l’Università della Sapienza, laureandosi  in Filosofia e Matematica e poi in Ingegneria. Si dedicò agli studi di archeologia e, oltre a ricoprire cariche governative, fu vicedirettore del Museo Kircheriano, Direttore degli scavi del Palatino dal 1877 e docente di Topografia romana all’Università di Roma. Nella sua vita raccolse una straordinaria documentazione di immagini e materiale relativo alla storia di Roma.

Il Fondo, acquisito nel 1929 dall’allora Regio Istituto di Archeologia e Storia dell’Arte, è oggi conservato nella Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte a Palazzo Venezia a Roma (BiASA).

Il fondo è consultabile al link: https://www.inasaroma.org/patrimonio/fototeca-6/manoscritti-lanciani-parte-1/

Icona Mail

Contributi annuali alle istituzioni culturali ex art. 8 della L. n. 534/1996

Si pubblica il  D.M. 22/12/2020, rep. n. 598, recante Contributi annuali alle istituzioni culturali, ai sensi dell’art. 8 legge 17/10/1996, n. 534, per l’anno 2020.

Il decreto contiene il piano di ripartizione dei contributi di cui all’art. 8 legge 17/10/1996, n. 534, pari a 2.000.519,00 di euro, formulato in data 12/11/2020 dalla Commissione istituita con decreto del Direttore generale Educazione, ricerca e istituti culturali il 3/07/2020.

Ulteriori informazioni alla pagina dedicata: https://dger.beniculturali.it/istituti-culturali/art-8-della-legge-n-534-del-17-ottobre-1996/

Documenti utili

DM 598 22 dicembre 2020 Contributi annuali istituzioni culturali ex art. 8 L. n. 534 1996 anno 2020-signed

Registrazione Corte dei conti DM 22 12 2020 598 contributi ex art. 8 L. 534 1996 af 2020

immagine generica di libri

Al via le domande per contributi a convegni e pubblicazioni

È attiva la nuova piattaforma informatica per l’invio delle domande di concessione dei contributi per convegni e pubblicazioni erogati dal MiBACT – Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali.

I contributi sono finalizzati all’organizzazione di convegni e alla pubblicazione di volumi di rilevante interesse culturale promossi o organizzati  da associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro.

Le modalità di presentazione e di valutazione delle domande e i criteri di assegnazione del contributo sono contenuti nella circolare della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali n.16/2020.

La domanda può essere presentata entro il 31 gennaio 2021 al seguente link: www.istitutidgeric.beniculturali.it

Documenti utili

Circolare DG-ERIC n.16/2020 (convegni e pubblicazioni)

FAQ circolare 16-2021  (aggiornate 28 gennaio 2021)

piazza del Campidoglio, Roma

Al via le domande per i contributi del Fondo per il 150 anni di Roma Capitale

Al via le domande di partecipazione relative all’Avviso di selezione per la ripartizione del Fondo per il centocinquantesimo anniversario di Roma Capitale di cui all’art. 1, comma 377, legge 27 dicembre 2019, n. 160.

La domanda deve essere compilata ed inviata, a partire dalle ore 10:00 del 30 dicembre 2020, utilizzando esclusivamente l’apposita piattaforma telematica al seguente indirizzo: https://procedimenti.beniculturali.it/roma150.

I termini per la presentazione scadono alle ore 24 del 14 gennaio 2021.

Sono ammissibili al finanziamento i progetti volti a celebrare i 150 anni di Roma come Capitale d’Italia, presentati da associazioni senza scopo di lucro con sede in Italia e operative a Roma o provincia.

I progetti possono riguardare anche le tradizioni orali e immateriali di cui alla Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale conclusa a Parigi il 17 ottobre 2003.

Tutte le informazioni relative a requisiti, modalità di presentazione e criteri di selezione dei progetti sono contenute nell’Avviso di selezione.

Le istruzioni per l’invio della domanda sono contenute nel Manuale per l’utilizzo della piattaforma.

Per chiarimenti sull’avviso di selezione è inoltre disponibile l’indirizzo email: 150romacapitale@beniculturali.it

L’avviso è pubblicato anche alla pagina: Bandi e avvisi

Documenti utili

FAQ Roma Capitale (5 gennaio 2021)

Manuale per utilizzo piattaforma (integrato il 7 gennaio 2022)

Avviso di selezione celebrazione 150 anni Roma Capitale

(ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2021)

logo Sed - Centro per i servizi educativi MiBACT

Offerta Formativa Nazionale 2020-2021 dei Servizi educativi MiBACT

È online l’Offerta Formativa Nazionale 2020-2021 dei Servizi educativi MiBACT, consultabile sul sito del Centro per i servizi educativi.

Oltre 1200 percorsi, laboratori, incontri e corsi di aggiornamento, con modalità di svolgimento flessibili, sia in presenza che a distanza, a fronte dell’attuale emergenza sanitaria.

L’iniziativa, giunta all’ottava edizione, ha l’obiettivo di promuovere le attività di educazione al patrimonio proposte, a titolo gratuito, dalla Rete nazionale dei Servizi educativi.

L’Offerta è destinata al coinvolgimento ed alla partecipazione di tutti i pubblici, con particolare attenzione al mondo della scuola.

Banca dati dell’Offerta Nazionale dei Servizi educativi:

http://www.sed.beniculturali.it/index.php?it/467/of-2020-2021-banca-dati

documenti utili

Circolare DG-ERIC n.14/2020

 

immagine generica di libri

Disciplina per contributi per convegni e pubblicazioni

La Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del MiBACT pubblica con circolare la disciplina della concessione dei contributi finalizzati alla organizzazione di convegni e alla pubblicazione di volumi di rilevante interesse culturale promossi o organizzati da associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro.

Sono ammessi a presentare domanda di concessione di contributi per convegni e pubblicazioni di rilevante interesse culturale, da realizzarsi entro l’anno in cui il contributo è richiesto, associazioni, fondazioni ed altri organismi senza fini di lucro, dotati di personalità giuridica.

Le modalità di presentazione della domanda, di valutazione delle domande e i criteri di assegnazione del contributo per convegni e pubblicazioni sono contenuti nella circolare della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali n.16/2020.

A decorrere dall’anno 2021, la domanda di concessione dei contributi per convegni e pubblicazioni può essere presentata dal 2 al 31 gennaio di ciascun anno, esclusivamente in modalità elettronica mediante apposita piattaforma informatica disponibile al link: www.istitutidgeric.beniculturali.it.

Qualora i predetti termini cadano in un giorno festivo, questi sono differiti al primo giorno non festivo immediatamente successivo.

La presente Circolare abroga e sostituisce la Circolare 27 dicembre 2012, n.108 (Gazzetta Ufficiale 8 gennaio 2013) recante “Contributi per convegni e pubblicazioni di rilevante interesse culturale promossi o organizzati da istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro”.

Documenti utili

Circolare DG-ERIC n.16/2020 (convegni e pubblicazioni)

FAQ circolare 16-2021  (aggiornate 21 giugno 2021)

Decreto nomina commissione