Eventi

VI Settimana delle Culture Digitali “Antonio Ruberti” dal 3 al 9 maggio 2021

Si terrà dal 3 al 9 maggio 2021 la Sesta Settimana delle Culture Digitali “Antonio Ruberti” #SCUD2021, organizzata dall’associazione internazionale Digital Cultural Heritage, Arts & Humanities School – DiCultHer.

Sono due i livelli di partecipazione: 

Il primo riguarda la partecipazione autonoma da parte di gruppi di ricercatori, di docenti, operatori culturali, ecc. ai quali  si chiede di animare eventi, attività informative, formative, didattiche, di sensibilizzazione nei confronti del mondo dell’istruzione nei settori della valorizzazione, della conservazione, gestione e della produzione culturale digitale, per sottolineare ulteriormente l’importanza sociale del patrimonio culturale oggi e per il futuro, e ridisegnare la prospettiva degli interventi per il rafforzamento dell’identità europea e il suo sviluppo sociale nella vita, nel lavoro, nella condivisione dei valori comuni. Per segnalare gli eventi durante la #SCUD2021 è necessario compilare l’apposito Modulo.

Il secondo riguarda la partecipazione agli eventi organizzati a livello centrale direttamente da DiCultHer:

  1. Lunedi 3 maggio (ore 15:30 alle ore 18:00) webinar Il capitale immateriale per l’Italia del domani.
  2. Martedì 4 maggio (ore 15:30 alle ore 18:00) Presentazione dei principali progetti promossi da INDIRE sul tema della Cultura Digitale.
  3. Mercoledì 5 maggio (ore 15:30 – 18:00) Presentazione dell’Associazione DiCultHer Faro Molise.
  4. Giovedì 6 maggio (ore 15:30 – 18:30) TerzaRassegna dei prodotti digitali realizzati dalle Scuole Italiane che hanno partecipato ad #HackCultura2021.
  5. Venerdì 7 Maggio, (ore 15:30 – 18:00) webinar sul tema “UNITÀ DEL SAPERE”: La sfida delle competenze nell’era digitale.
  6. Sabato 8 maggio (ore 15:30 – 18:30) Terza Rassegna dei prodotti digitali realizzati dalle Scuole Italiane che hanno partecipato ad #HackCultura2021
  7. Domenica 9 maggio (ore 10:00 – 12:30 e  14:30 – 18:30), Festa dell’Europa L’occasione digitale per la cultura e l’Europa”

Tutte le informazioni per seguire il programma degli eventi alla pagina: https://www.diculther.it/scud2021/

È possibile visionare i webinar anche sul Canale YouTube DiCultHer

 

G20 Culture Webinar 3: Building capacity trough training and education

Webinar PRIORITY 3 – BUILDING CAPACITY THROUGH  TRAINING AND EDUCATION
Human Capital – The Driver of Culture-led Regeneration

Program (PDF)
Panellists
Comunicato/Press release MiC 13 aprile 2021 (Italiano/English)
Comunicato conclusivo MiC 13 aprile 2021 (Italiano)

L’interazione fra cultura, formazione ed educazione del patrimonio culturale sono gli argomenti del terzo webinar di avvicinamento al G20 Cultura trasmesso il 13 aprile, a partire dalle ore 12, sul canale Youtube del Ministero della cultura.

Aperto dal professore Lorenzo Casini, Capo di Gabinetto del Ministero della cultura, al webinar partecipano esperti, studiosi e operatori di tutto il mondo, dai quali si raccoglieranno proposte e riflessioni che alimenteranno poi la discussione della riunione ministeriale G20 del 29 e 30 luglio.

L’obiettivo dell’incontro è anche quello di definire e promuovere la cooperazione tra i paesi del G20 per sostenere lo sviluppo di competenze specialistiche nel settore della formazione culturale.

Le tematiche culturali sono certamente una peculiarità della Presidenza italiana che le ha volute inserire tra i pilastri fondamentali su cui costruire una solida ripartenza. La scelta di prevedere una riunione ministeriale dedicata conferma inoltre la linea avviata nel 2017 quando, a Firenze, su proposta del ministro Franceschini, si è tenuto il primo G7 Cultura.

English version

The third  international webinar,  organized by MiC in the framework of the Italian G20 Culture chiarmanship, kicks off 13 April 2021 – broadcast at 12.00 CEST, on the Youtube channel of the Ministry of Culture. The interaction between culture, cultural heritage, training and education are the topics on which the webinar approaching the G20 Culture Ministerial will focus.

It will be opened by Professor Lorenzo Casini, Head of Cabinet of the Ministry of Culture, and will see the participation of experts, scholars and operators from all over the world.

Their proposals and reflections will be collected to feed the discussion of the Ministerial meeting, chaired by Dario Franceschini, on 29 and 30 July.
This third meeting aims  to define and promote cooperation between the G20 countries  to support the development of specialist skills in the field of cultural education.

Cultural issues are a priority of the Italian G20 Presidency which included them among the fundamental pillars on which to build a solid restart. The decision to organize a dedicated Ministerial meeting confirms the line opened in 2017 when, on the proposal of Minister Franceschini, the first G7 Culture was held in Florence.

Partecipanti/Participants 

Kathrin Merkle, Consiglio d’Europa – Direzione Generale della Democrazia (DGII), Capo della Divisione Cultura e Patrimonio Culturale; Webber Ndoro, Direttore Generale ICCROM; Catherine Magnant Commissione Europea, DG EAC, vicedirettore e capo dell’unità di politica culturale; Pierluigi Sacco, Capo Ufficio di Venezia e Senior Advisor co OECD Centre for Entrepreneurship, SMEs, Regions & Cities, Culture-education Crossovers; Doris Sommer, Harvard University; Christian Greco, Direttore del Museo Egizio di Torino; Grial Ibáñez de la Peña, Vicedirettore della Cooperazione Culturale con le Regioni Autonome, Ministero della Cultura e dello Sport di Spagna; Anibal Jozami, Rettore della Universidad Nacional de Tres de Febrero, Direttore generale di BIENALSUR; Denise Pires de Carvalho, Rettore dell’Università Federale di Rio de Janeiro.

Ewan Hyslop, responsabile della sostenibilità, della ricerca e dell’istruzione tecnica di Historic Scotland; Julianne Polanco, California Office of Historic Preservation; Albino Jopela, responsabile dei programmi del Fondo africano per il patrimonio mondiale; Àngel Panero Pardo, Architetto capo, Oficina de supervisión del Consorcio de Santiago; Massimo Osanna, Professore Università Federico II di Napoli; Dwinita Larasati, Bandung Creative City Forum. Lim Tit Meng, Professore Science Centre Singapore; Vincenzo Trione, Presidente della Fondazione Scuola di Beni e Attività Culturali; Cristina Gonzalez-Longo, Presidente del Comitato Scientifico Internazionale ICOMOS per l’Educazione e la Formazione (CIF); Lluis Bonet, Università di Barcellona; Xavier Greffe, Université Paris 1 – Sorbonne; Alan Salzenstein, European Network on Cultural management and Policy (ENCACT); Noriko Aikawa-Faure, Centro internazionale di ricerca per il patrimonio culturale immateriale nella regione Asia-Pacifico.

Bak Sang Mee, Hankuk University of Foreign Studies; Anupama Sekhar, Direttore per la Cultura, Asia Europe Foundation (ASEF); Sheenagh Pietrobruno, Professore Scuola di Comunicazione Sociale Facoltà di Scienze Umane Saint Paul University (federata con l’Università di Ottawa); Bernd Fesel, Direttore European Creative Business Network. Leandro Valiati, Professore in Creative Industries, Senior Researcher atlPeoples Palace Projects – QMUL; Christine Mackenzie, Presidente Federazione internazionale delle associazioni e delle istituzioni bibliotecarie; Nuha Al-Sharif, Dipartimento di ricerca e studi culturali presso il Ministero della Cultura dell’Arabia Saudita; Handoko Hendroyono, Fondatore M-Bloc Space on Cultural Heritage and Resilience.

English version

Kathrin Merkle, Council of Europe – Directorate General for Democracy (DGII), Head of the Culture and Cultural Heritage Division; Webber Ndoro, ICCROM General Manager; Catherine Magnant European Commission, DG EAC, Deputy Director and Head of the Cultural Policy Unit; Pierluigi Sacco, Head of the Venice Office and Senior Advisor to the OECD Center for Entrepreneurship, SMEs, Regions & Cities, Culture-education Crossovers; Doris Sommer, Harvard University; Christian Greco, Director of the Egyptian Museum in Turin; Grial Ibáñez de la Peña, Deputy Director of Cultural Cooperation with the Autonomous Regions, Ministry of Culture and Sport of Spain; Anibal Jozami, Rector of the Universidad Nacional de Tres de Febrero, General Director of BIENALSUR; Denise Pires de Carvalho, Rector of the Federal University of Rio de Janeiro.

Ewan Hyslop, Head of Sustainability, Research and Technical Education at Historic Scotland; Julianne Polanco, California Office of Historic Preservation; Albino Jopela, program manager of the African Fund for World Heritage; Àngel Panero Pardo, Chief Architect, Oficina de supervision of the Consorcio de Santiago; Massimo Osanna, Professor at the Federico II University in Naples; Dwinita Larasati, Bandung Creative City Forum; Lim Tit Meng, Professor of Science Center Singapore; Vincenzo Trione, President of the School of Cultural Heritage and Activities Foundation; Cristina Gonzalez-Longo, President of the ICOMOS International Scientific Committee for Education and Training (CIF); Luis Bonet, University of Barcelona; Xavier Greffe, Université Paris 1 – Sorbonne; Alan Salzenstein, European Network on Cultural management and Policy (ENCACT).

Noriko Aikawa-Faure, International Research Center for Intangible Cultural Heritage in the Asia-Pacific Region; Bak Sang Mee, Hankuk University of Foreign Studies; Anupama Sekhar, Director of Culture, Asia Europe Foundation (ASEF); Sheenagh Pietrobruno, Professor School of Social Communication Faculty of Human Sciences Saint Paul University (federated with the University of Ottawa). Bernd Fesel, Director of the European Creative Business Network; Leandro Valiati, Professor in Creative Industries, Senior Researcher at Peoples Palace Projects – QMUL; Christine Mackenzie, President of the International Federation of Library Associations and Institutions. Nuha Al-Sharif, Department of Research and Cultural Studies at the Ministry of Culture of Saudi Arabia. Handoko Hendroyono, Founder of M-Bloc Space on Cultural Heritage and Resilience.

(Rome, April 13, 2021 MiC Press Office).

Consulta anche la pagina / For further information: www.beniculturali.it/g20webinar

G20 Cultura – ciclo di webinar sulla protezione del patrimonio culturale

IT/EN

Nell’ambito della Presidenza Italiana del G20, il Ministero della Cultura ha organizzato un ciclo di conferenze internazionali. Agli incontri parteciperanno esperti, studiosi e operatori di tutto il mondo, dai quali si raccoglieranno proposte e riflessioni che alimenteranno la discussione del G20 Cultura del 29 e 30 luglio.

I temi al centro del prossimo G20 Cultura sono la lotta al traffico illecito delle opere d’arte, gli effetti dei cambiamenti climatici sul patrimonio culturale, le industrie creative e la rivoluzione digitale, l’interazione fra cultura, formazione ed educazione.

La scelta di prevedere una riunione ministeriale dedicata conferma inoltre la linea avviata nel 2017 quando, a Firenze, si è tenuto il primo G7 Cultura con l’impegno degli Stati a prevedere all’interno dei grandi summit internazionali riunioni dei Ministri della Cultura e delle organizzazioni internazionali.

Programma del ciclo di webinar:

I tre webinar, che si terranno esclusivamente in lingua inglese, saranno trasmessi in diretta sul canale YouTube del Ministero della cultura.

Pagina dedicata sul sito del Ministero della Cultura: www.beniculturali.it/g20webinar

 

IX Edizione Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere

Si terrà da luglio a dicembre 2021 la IX edizione della Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere.

L’iniziativa è promossa dal Museo Tattile Statale Omero di Ancona e TACTUS Centro per le Arti Contemporanee, la Multisensorialità e l’Intercultura, in collaborazione con la DG Educazione, ricerca e istituti culturali – Servizio I, Ufficio Studi – Centro per i servizi educativi (Sed), la DG Musei – Servizio II – Sistema Museale Nazionale e la DG Creatività Contemporanea.

I musei e i luoghi della cultura sono invitati ad aderire con iniziative accessibili e inclusive al fine di favorire la più ampia partecipazione di persone con disabilità e provenienti da culture altre.

Sono previsti inoltre due incontri con esperti sull’accessibilità per le persone con disabilità visiva, con disabilità intellettiva e per le persone sorde. Il personale dei musei aderenti alla Biennale può iscriversi entro il 26 aprile.

I musei e i luoghi della cultura potranno comunicare le loro attività accessibili tramite appositi form on line disponibili a breve nel sito del Museo Tattile Statale Omero: www.museoomero.it.

  • dal 1 al 30 giugno si potranno inserire le iniziative previste nel periodo luglio – settembre ;
  • dal 1 al 30 settembre si potranno inserire le iniziative previste nel periodo ottobre – dicembre .

Informazioni dettagliate sugli incontri e sull’iniziativa nella circolare n.10 e invito allegato:

Circolare n. 10-2021 Biennale Arteinsieme

Allegato: invito musei e luoghi della cultura

Logo recante la scritta: Biennale #Arteinsieme cultura e culture senza barriere IX edizione - 2021

Logo Biennale Arteinsieme IX edizione – 2021

Dantedì, Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri – 25 marzo 2021

Il 25 marzo è la Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, istituita nel 2020 dal Consiglio dei ministri su proposta del Ministro della cultura Dario Franceschini.

Il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, si celebra in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con tante iniziative organizzate dalle scuole, dagli studenti e dalle istituzioni culturali.

L’edizione del 2021 inoltre ricorre nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta.

Sul sito del Ministero della Cultura sono pubblicate le principali iniziative patrocinate dal Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e quelle proposte dai musei, dagli archivi e dalle biblioteche dello Stato e dalle Città di Dante:

https://www.beniculturali.it/dantedì

Card realizzata in occasione del Dantedi 2021 recante testo: Dantedì 25 marzo 2021 scopri gli eventi su beniculturali.it/dantedì

Card_Dantedi

Celebrazione della Giornata nazionale del Paesaggio – 14 marzo 2021

Il 14 marzo si celebra la Giornata nazionale del Paesaggio istituita dal Ministero con l’obiettivo di promuovere la cultura del paesaggio e sensibilizzare i cittadini, attraverso attività sull’intero territorio nazionale.

In occasione della giornata sarà consegnato anche il Premio Nazionale del Paesaggio, un importante riconoscimento che il Ministero attribuisce agli attuatori di buone pratiche per la qualità del paesaggio e della vita delle comunità locali, capaci di testimoniare le potenzialità del Patrimonio culturale attraverso la creazione di economie sostenibili e la diffusione e la divulgazione di valori etici e culturali.

Il Premio è conferito ogni due anni al progetto che costituisce la candidatura italiana al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, quest’anno alla VII edizione e la cui procedura di selezione si è recentemente conclusa.

Tutti gli eventi organizzati presso musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, uffici e istituti del Ministero della Cultura o promossi da Associazioni ed Enti esterni, che contribuiscono alla realizzazione della giornata, saranno pubblicati sul sito del Ministero nella sezione dedicata agli “Eventi culturali” al link:

https://www.beniculturali.it/evento/giornatanazionaledelpaesaggio2021

 

Per non dimenticare. Il restauro del Memoriale italiano di Auschwitz

Il Memoriale italiano di Auschwitz è un’opera immersiva frutto del lavoro di intellettuali e artisti del Novecento. Tra questi Lodovico Belgiojoso, Nelo Risi, il pittore Mario “Pupino” Samonà, Primo Levi. Voluta dall’Associazione Nazionale Ex-Deportati nei campi nazisti (ANED). L’opera fu inaugurata nel 1980 presso il Blocco 21 di Auschwitz in onore dei caduti nei campi di sterminio.

“L’idea progettuale è stata una spirale in tela, tesa su struttura in ferro, costretta nelle pareti dell’edificio, all’interno della quale il visitatore cammina come in un tunnel. La tela dipinta ricorda […] la storia della Resistenza e della Deportazione italiana ad opera di Samonà su indicazioni di Primo Levi. Dalla passerella lignea che conduce il visitatore nel tunnel sale la musica di Luigi Nono, Ricorda cosa ti hanno fatto in Auschwitz del 1966. Nelo Risi ha diretto la ideazione e realizzazione con la sua competenza di regista.” (R.Pintus)

Il restauro 

Il Memoriale, dopo un complesso intervento di smontaggio, restauro e ricontestualizzazione, curati rispettivamente da Istituto centrale per il restauro e Opificio delle pietre dure, è ora riallestito nello spazio Ex3 nel quartiere di Gavinana a Firenze.

“uno dei più grandi e complessi interventi di conservazione e restauro su opere d’arte contemporanee che sia mai stato compiuto e […] uno dei maggiori successi dell’Istituto” secondo Marco Ciatti, direttore OPD.

Il volume Per non dimenticare. Il Memoriale italiano di Auschwitz Conservazione, restauro e riallestimento, della Collana Problemi di Conservazione e Restauro dell’Opificio delle Pietre Dure (edito da Edifir) ne racconta la storia, il restauro e il suo riallestimento. A cura di Marco Ciatti, Gisella Capponi, Renata Pintus e Oriana Sartiani, con introduzione delle autorità coinvolte e anche del Direttore generale dott. Mario Turetta.

Appuntamenti

In occasione del Giorno della Memoria, il 27 gennaio alle ore 17 è organizzato un evento online dedicato al Memoriale, gratuito e su prenotazione. Inoltre, venerdì 29 gennaio Mu.se organizza visite gratuite per piccoli gruppi.

Info: http://musefirenze.it/memoriale-italiano-di-auschwitz-due-giorni-di-visite-guidate-dal-vivo-e-un-viaggio-virtuale-nella-settimana-della-memoria/

Fotografia dell'opera Memoriale Italiano di Auschwitz

Memoriale italiano di Auschwitz (foto di Pino Zicarelli, OPD)

 

Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità 2020

Il 3 dicembre ricorre la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, istituita nel 1992 dall’ ONU per promuovere l’inclusione delle persone con disabilità e combattere ogni forma di discriminazione.

Scopri tutte le iniziative online degli istituti centrali e periferici del MiBACT all’insegna dell’hashtag #ungiornoallannotuttolanno alla pagina dedicata sul sito del MiBACT:

https://www.beniculturali.it/evento/ungiornoallannotuttolanno

Le iniziative in aggiornamento proseguono per tutto il mese di dicembre e anche oltre.

Logo Internation day of persons with disabilities 3 december

Logo IDPD – Internation Day of Persons with Disabilities

 

23-27 novembre: Settimana della Bioarchitettura e Sostenibilità

Anche il MiBACT partecipa alla Settimana della Bioarchitettura e Sostenibilità che prevede un programma di webinar dal 23 al 27 novembre 2020.

In particolare, il 27 novembre dalle 15 alle 18 segnaliamo il webinar su La Sostenibilità e la valorizzazione nel patrimonio architettonico culturale, storico e vincolato con l’intervento su Protocollo GBC Historic Building Palazzo Poli – Roma dell’Arch. Maria Adelaide Ricciardi della Direzione generale sul progetto di riqualificazione in corso presso l’Istituto centrale per la grafica.

L’evento quest’anno interamente online è organizzato da AESS Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile e dedicato al tema “Agenda 2030: la città del futuro”.  Tra gli argomenti affrontati: rigenerazione, recupero, riqualificazione energetico-ambientale dell’edilizia esistente e vincolata, edilizia scolastica, riprogettazione dei nuovi spazi dell’abitare e lavorare, il diritto alla città, materiali innovativi, tecnologie costruttive innovative per la riqualificazione del patrimonio esistente e la sua trasformazione, mobilità sostenibile, mitigazione e adattamento climatico.

Programma e iscrizioni al link: https://www.settimanabioarchitettura.it/programma/

Evento online del Museo Tattile Statale Omero – 23 novembre 2020

Lunedì 23 novembre alle ore 18 il Museo Tattile Statale Omero presenta il nuovo sito web con un evento in diretta sul suo canale youtube.

Il nuovo sito web interpreta e rispecchia la filosofia del Museo Omero che pone l’accessibilità al centro della sua riflessione ed esperienza. Accessibilità intesa come una via di entrata semplice e intuitiva ai contenuti, per tutti, a prescindere dagli strumenti utilizzati. Questo è possibile grazie ad una lineare architettura dei contenuti, ad un linguaggio comprensibile, ad un codice di sviluppo scrupoloso nel rispettare in primis le esigenze delle persone non vedenti.

La tecnica responsive design, applicata in stretta coesione con le strategie per l’accessibilità, rappresenta un notevole vantaggio anche per le persone non vedenti e ipovedenti che utilizzano le tecnologie assistive, come le sintesi vocali, gli ingranditori, gli strumenti hardware come la barra Braille.

All’evento online saranno presenti i tecnici e il personale del Museo Omero coinvolto nel progetto, il Presidente Nazionale dell’UICI, Mario Barbuto, per il MiBACT il Direttore della Direzione Regionale Musei Marche Luigi Gallo, Elisabetta Borgia della nostra Direzione e Gabriella Cetorelli della DG Musei, il Presidente della Federazione Esperantista Italiana Luigi Fraccaroli e altre autorità, moderati dal Presidente del Museo Omero Aldo Grassini.

Segui la l’evento online: https://www.youtube.com/user/museotattileomero

Immagini tratte dal nuovo sito web del museo Omero di Ancona

Immagini del nuovo sito web del Museo Omero