Istituto Centrale per la Grafica (ICG)

L’Istituto Centrale per la Grafica è un organismo museale di rilevanza internazionale creato per conservare, tutelare e promuovere un patrimonio di opere che documentano l’arte grafica nelle sue differenti tipologie: dalla serialità dei multipli a stampa all’unicità dei disegni e delle matrici, alle fotografie.

Dal 10 dicembre 2014 l’Istituto ha assunto l’attuale denominazione.

Precedentemente Istituto Nazionale per la Grafica, nato nel 1975 dall’unione della Calcografia Nazionale, di eredità pontificia, e del Gabinetto nazionale delle stampe. Nel 2008, tale unificazione scientifica si è tradotta nella riunione in un’unica sede: gli edifici contigui di Palazzo Poli e della Calcografia sono entrati in comunicazione e contemporaneamente le distinte collezioni della Calcografia e del Gabinetto delle Stampe si sono unificate.

La fondazione della Calcografia Nazionale nel 1738 è il risultato di una lunga trattativa che vede impegnati papa Clemente XII (1730-1740) e suo nipote Neri Maria Corsini (1685-1770), protagonista della vita culturale romana per lunga parte del Settecento, nell’acquisto della storica Stamperia De Rossi. L’Istituto ha raccolto sin dalla sua fondazione un numero sempre crescente di matrici calcografiche, alle quali si è poi aggiunto, a partire dalla metà del ‘900, anche un consistente nucleo di matrici xilografiche, fotografie e video d’artista.

Il Gabinetto Nazionale delle Stampe è stato istituito nel 1895 presso Palazzo Corsini, in via della Lungara e poi, nel 1950 trasferito nella sede di Villa della Farnesina. Il fondo di stampe, disegni e incisioni proveniente dalla biblioteca del principe Corsini costituisce il nucleo più antico e importante del materiale custodito oggi dall’Istituto Nazionale per la Grafica.

Contatti

Sede: via della Stamperia 6, 00187 Roma

Sito web: http://www.grafica.beniculturali.it